martedì 3 giugno 2014

Una bella scoperta: Azienda Agricola Ventolaio

Oggi voglio parlarvi di una bellissima realtà che ho conosciuto prima a Roma durante la manifestazione Sangiovese Purosangue e poi dal vivo recandomi in azienda nei giorni a cavallo del Benvenuto Brunello.
A Roma ho avuto la fortuna di conoscere direttamente la produttrice, la simpaticissima Maria Assunta Fanti, la quale con molto entusiasmo e trasporto mi ha parlato della sua azienda e fatto assaggiare i suoi splendidi vini con i quali fin da subito, è scattata la scintilla!
La domenica del Benvenuto Brunello, dopo il "sequestro lampo" di un paio di amici incontrati per le vie di Montalcino, decidiamo di recarci in azienda.
Dal paese ci dirigiamo verso il Passo del Lume Spento ed una volta arrivati svoltiamo in una piccola stradina sterrata alla nostra sinistra e piano piano godendoci uno splendido panorama arriviamo all'Azienda Agricola Ventolaio.
Al nostro arrivo, in ritardo come al solito, attendiamo che Maria Assunta  rientri dalla vigna dove non vedendoci arrivare si era recata per la potatura.
Già questo semplice particolare ci da l'idea del tipo di azienda che abbiamo davanti, un'azienda a conduzione esclusivamente familiare all'interno della quale ogni membro svolge il proprio lavoro con passione e dedizione quotidiana.
Maria Luisa è una donna schietta, verace e fin da subito riesce a trasmetterci tutto il suo amore per la sua terra. Ci intrattiene sempre con il sorriso raccontandoci simpatici aneddoti della vita di campagna e dell'azienda.
Tutto ebbe inizio nel 1989 quando con il marito decisero di smettere di vendere le proprie uve alla cantina comunale di Montalcino e iniziare ad imbottigliare il loro vino.
La prima annata di Brunello di Montalcino prodotta fu la 2000.
Oggi l'azienda, grazie al grande aiuto dei due figli, può contare su tredici ettari di vigna di cui otto iscritti a Brunello di Montalcino, due iscritti a Rosso di Montalcino e tre iscritti Sant'Antimo, dove comunque vi è piantato solo Sangiovese, dal quale si ottiene un ottimo IGT.
I terreni sono costituiti di terra sassosa ricca di galestro che dona ai vini una piacevolissima mineralità.
Nella saletta di degustazione si instaura da subito un bel clima amichevole tant'è che il tempo vola e senza rendercene conto è già ora di rientrare a Roma.
Prima di passare alla descrizione dei vini vorrei darvi un consiglio...se capitate nei pressi di Montalcino una visitina in cantina al Ventolaio non fatevela scappare, conoscere questi bravi e simpatici vigneron d'altri tempi è d'obbligo.

 
IGT Sentiero del Fante 2010 Ventolaio
Bel colore rubino brillante per questo splendido IGT che affina in barrique.
Un piccolo rosso di bella mineralità, fruttini rossi sotto spirito, fiori secchi e note più austere di cuoio e tabacco dolce.
Bocca asciutta e beverina, paga un filo di alcol in eccesso. 
Un piccolo Rosso di Montalcino.

Rosso di Montalcino 2011 Ventolaio
Rubino compatto e brillante.
Gran frutto croccante, amarena e fragola, fiori freschi, mineralità rocciosa.
Bocca tesa di grande acidità e sapidità, di grande beva nonostante i 15° che si avvertono leggermente sul finale con ritorni di ciliege sotto spirito.

Brunello di Montalcino 2009 Ventolaio
Rubino compatto e brillante.
Naso con un bel frutto e di grande mineralità, dolce amaro, ancora un pò compresso ma con un pò di bottiglia verrà fuori.
Bocca tesa di grande acidità, bel tannino levigato, buona sapidità di fondo e lunga persistenza. Un pelo asciugante nel finale.

Brunello di Montalcino 2008 Ventolaio
Più austero su note terrose, ematiche, sottobosco e sempre la solita spiccata mineralità.
Bellissima bocca, avvolgente, tannino levigato, bella scia sapida, bel nerbo acido e buona persistenza. Tra i migliori 2008 assaggiati.

Brunello di Montalcino 2007 Ventolaio
Rubino intenso e brillante.
Il naso, pulito e definito, fonde meravigliosamente le note austere di terra, di ferro, di ruggine, di cuoio e di tabacco amaro con note dolci di amarena, di arancia sanguinella, di fiori rossi e di roccia spaccata. 
Bocca dalla beva disarmante, di buon equilibrio e lunga persistenza.
Da berne a secchi.

Brunello di Montalcino Riserva 2004 Ventolaio
Rubino brillante e compatto.
Molto fine e pulito al naso, grande pulizia.
Note di terra bagnata, cuoio, tabacco biondo, arancia amara, visciole.
Bocca avvolgente, piena, con un tannino levigato, molto elegante anche in bocca e con ottima persistenza su ritorni di arancia amara.

Brunello di Montalcino Riserva 2003 Ventolaio
Alla faccia dell'annata calda.
Il vino che mi è piaciuto di più della batteria.
Terra bagnata, cuoio, tabacco dolce, scatola di sigari, frutti di rovo, bella speziatura, note iodate e mineralità gessosa.
Bocca piena, avvolgente, elegante, ficcante, tannino preciso e nobile, lunga persistenza su note austere.
Chapeau!


Brunello di Montalcino 2011 Ventolaio (assaggio da botte)
Ad oggi sembra un piccolo capolavoro vista l'annata.
Intenso, pulito e croccante con già un suo "equilibrio" nonostante la spiccata acidità che si è riusciti a salvaguardare nonostante l'annata non delle migliori.
Speriamo che questi due anni che lo separano dall'uscita lo aiutino a venir fuori ancora meglio, i presupposti sembrano esserci tutti.

Brunello di Montalcino 2010 Ventolaio (assaggio da botte)
Non potevamo chiudere questa meravigliosa sequenza di vini meglio di così. 
Questo 2010 ha tutte le carte in regola per essere grande: freschezza, eleganza, struttura, tannino, equilibrio delle componenti.
Tra un anno tornerò per comprarne a casse di questo splendido Sangiovese Purosangue.
Ancora Chapeau!

3 commenti:

  1. Luogo incantevole, meraviglie della natura...
    Bella famiglia , persone semplici e cordiali. L'impressione che ho avuto e' stata quella di conoscerli da sempre.
    Il mio preferito " Brunello di Montalcino 2007 " , senza nulla togliere agli altri , frutto di grande passione.
    Un bel ricordo....

    RispondiElimina
  2. Bellissime parole Anna!
    Da bere ora anche per me il 2007 è il più risolto ;-)

    RispondiElimina
  3. Michele Semprini15 marzo 2015 14:20

    Tornato da una visita da loro proprio ieri.. e assaggiata la riserva 2003 non posso che confermare le tue parole... un vino fresco e di ritmo che sembra appena uscito in commercio!! davvero un miracolo vista l'annata.. Per il resto una batteria di vini tutti di altissimo livello.. Azienda che entra di diritto tra quelle del cuore!

    RispondiElimina